CORONAVIRUS. Sicurezza sul lavoro e reddito per tutte e tutti

Tutte le lavoratrici e i lavoratori, al di là della tipologia di impiego, hanno diritto alla Sicurezza sul lavoro

Nell’affrontare l’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19, va ricordato che tutte le lavoratrici e i lavoratori, al di là della tipologia di impiego, hanno diritto a vedersi assicurata la sicurezza nella prestazione lavorativa. La salute e sicurezza è delegata all’azienda presso la quale le persone lavorano ed è lì che le disposizioni varate dai vari decreti governativi, dal protocollo condiviso tra CGIL CISL UIL e organizzazioni datoriali e dagli accordi sottoscritti a livello aziendale vanno garantite a tutte e tutti.

SALUTE E SICUREZZA

Per quanto riguarda i lavoratori in somministrazione le agenzie per il lavoro devono garantire che le condizioni di sicurezza siano assicurate; qualora non avvenga, i somministrati hanno diritto ad attivare l’art. 40 del CCNL che prevede la retribuzione in caso la sicurezza non sia garantita.

Qualora si renda necessario attuare forme di lotta per la salute e la sicurezza, i somministrati che ritenessero di partecipare hanno una copertura generale.

In generale PER TUTTI I LAVORATORI, anche con altre tipologie di lavoro, è fondamentale fare riferimento al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) o ad un componente della Rappresentanza sindacale CGIL in azienda (RSU o RSA).

AMMORTIZZATORI SOCIALI E REDDITO DI LAVORATRICI E LAVORATORI

Per quanto riguarda eventuali periodi di sospensione e/o riduzione delle attività coperte da ammortizzatori sociali, le lavoratrici e i lavoratori somministrati sono coperti dal Fondo di Solidarietà Bilaterale, attivabile dalle agenzie per il lavoro, che eroga un trattamento salariale pari a quello previsto per i lavoratori diretti con la maturazione di tutti i ratei di ferie, 13ma, TFR.

In caso di rapporti di collaborazione vanno evitate interruzioni dei contratti in essere. Per i lavoratori atipici, comunque, il DL 18/2020 ha stabilito tutele economiche. In ogni caso, rivolgiti alla struttura NIdiL del tuo territorio.

In questo momento è fondamentale la collaborazione tra tutti, con l’obiettivo di tutelare salute, lavoro e reddito delle lavoratrici e dei lavoratori in somministrazione e delle altre tipologie contrattuali atipiche, esposti quanto mai a possibili decisioni unilaterali di aziende e agenzie. Per questo si stanno definendo materiali e intese tra NIdiL e le altre categorie della CGIL.

Settore Metalmeccanico. Volantino Nidil Cgil – Fiom Cgil

Per informazioni, tutela e aiuto rivolgiti al delegato Fiom o NIdiL dell’azienda in cui lavori o alla sede NIdiL della tua città, se hai difficoltà puoi contattarci anche qui, attraverso la chat del sito, in basso a destra.

Settore Trasporti. Volantino NIdiL Cgil – Filt Cgil

Per informazioni, tutela e aiuto rivolgiti al delegato Filt o NIdiL dell’azienda in cui lavori o alla sede NIdiL della tua città, se hai difficoltà puoi contattarci anche qui, attraverso la chat del sito, in basso a destra.

Settori Agricoltura e Agroalimentare. Volantino NIdiL Cgil – Flai Cgil

Per informazioni, tutela e aiuto rivolgiti al delegato Flai o NIdiL dell’azienda in cui lavori o alla sede NIdiL della tua città, se hai difficoltà puoi contattarci anche qui, attraverso la chat del sito, in basso a destra.

Settore Telecomunicazioni. Volantino NIdiL Cgil – Slc Cgil

Per informazioni, tutela e aiuto rivolgiti al delegato Slc o NIdiL dell’azienda in cui lavori o alla sede NIdiL della tua città, se hai difficoltà puoi contattarci anche qui, attraverso la chat del sito, in basso a destra.