AMAZON. Nasce il coordinamento Cgil

Filcams, Filt e NIdiL Cgil lavoreranno in sinergia, a livello nazionale e territoriale, per sostenere e supportare i lavoratori nella rivendicazione dei loro diritti e tutele, in tutti i siti produttivi della multinazionale dell’e-commerce.

Le strutture nazionali di Filcams, Filt e NIdiL Cgil si sono riunite per strutturare un’azione sindacale coordinata in merito alla situazione dei lavoratori Amazon ai quali vengono applicati il CCNL del Terziario e quello della Logistica, con un massiccio ricorso al lavoro somministrato. Le questioni sindacali aperte sono articolate e di varia natura, ma dalla vicenda dell’hub di Castel San Giovanni è emerso chiaramente che l’azienda non vuole avere relazioni strutturate con i sindacati.

Per favorire l’organizzazione dei lavoratori, le strutture metteranno in atto: attività  di formazione per delegati e funzionari, finalizzate allo sviluppo della rappresentanza; produzione di materiale informativo per i lavoratori con particolare attenzione alla composizione multietnica della manodopera.
Oltre all’istituzione di coordinamenti nazionale e territoriali con la Confederazione, Filcams, Filt e NIdiL Cgil hanno avviato una mappatura delle realtà  produttive della multinazionale in Italia (che non si riducono agli Hub di Castel San Giovanni, Passo Corese e Vercelli) e della composizione occupazionale interna.

NIdiL e Filt Cgil, inoltre, parteciperanno alle prossime riunioni dell’Alleanza sindacale internazionale promossa da UNIGlobal Union, che si terranno in Italia.