SOMMINISTRAZIONE. Al via le nuove prestazioni di sostegno al reddito

Con il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro in Somministrazione, sono state introdotte anche nuove prestazioni di sostegno al reddito o modifiche su quelle già esistenti, con incrementi economici e, dove è stato possibile, con una semplificazione dei requisiti di accesso.

Vediamo nel dettaglio quali sono le prestazioni nuove e quelle che sono state aggiornate, fermo restando che rimangono invariate tutte le prestazioni che non sono citate qui, comprese quelle già previste di Tutela Sanitaria (rimborsi pari al 100% dei ticket sanitari) e, come da specifico prontuario: delle cure odontoiatriche e protesi, delle spese per grandi interventi chirurgici nonché dei sussidi per altri ricoveri.

SOSTEGNO ALLA MATERNITÀ

Indennità una tantum di 2.800 euro lordi alle lavoratrici per le quali il contratto di lavoro in somministrazione cessi nei primi 180 giorni di gravidanza e alle quali non spetti il contributo Inps relativo al congedo per maternità obbligatoria.

  • Indennità una tantum di 2.800 euro lordi
  • Contratto di lavoro in somministrazione termini nei primi 180 giorni di gravidanza
  • Esclusione dal contributo Inps relativo al congedo per maternità obbligatoria

SOSTEGNO PER ADOZIONE, AFFIDAMENTO E ACCOGLIENZA TEMPORANEA DI MINORI IN DIFFICOLTÀ

Contributo una tantum di 2.800 euro lordi alle lavoratrici e ai lavoratori per i quali il rapporto di lavoro in somministrazione cessi nei primi 180 giorni da un’adozione, o dall’affidamento di un minore, o che partecipino a un progetto di accoglienza temporanea nel proprio nucleo familiare di minori che si trovino in situazioni di difficoltà sociale. Altro requisito necessario per l’accesso, l’esclusione dall’indennità Inps relativa al congedo per maternità/paternità obbligatoria.

  • Contributo una tantum di 2.800 euro lordi
  • Contratto di lavoro in somministrazione termina nei primi 180 giorni di adozione, affidamento, accoglienza temporanea
  • Esclusione dal contributo Inps relativo al congedo per maternità/paternità obbligatoria

ASILO NIDO

Contributo fino a un massimo di 150 euro netti mensili, a decorrere dalla retta di gennaio 2020, fino al terzo anno di età del bambino e comunque fino al completamento della frequenza del nido nel periodo di riferimento per le lavoratrici madri e i lavoratori padri con un contratto di lavoro in somministrazione pari o superiore a 7 giorni e un’anzianità lavorativa di almeno 3 mesi lavorati negli ultimi 12. Qualora, entrambi i genitori del minore avessero un contratto di lavoro in somministrazione, potrà accedere al contributo solamente uno dei due genitori.

  • Contributo una tantum fino a max 150 euro netti/mese
  • Fino al terzo anno del bambino o completamento frequenza nel periodo di riferimento
  • Contratto di lavoro in somministrazione pari o superiore a 7 giorni e anzianità lavorativa di almeno 3 mesi negli ultimi 12

CONTRIBUTO PER MATERIALE DIDATTICO E LIBRI PER FIGLI

Contributo annuo di 200 euro netti sull’acquisto di libri o materiale didattico, per le lavoratrici e i lavoratori con un contratto di lavoro in somministrazione che abbiano fiscalmente a proprio carico figli o minori sotto tutela (su disposizione del tribunale), iscritti a una scuola Primaria, Secondaria o all’Università.

Per poter richiedere il contributo, inoltre, bisogna avere maturato un’anzianità lavorativa pari complessivamente a 60 giorni nel periodo compreso dal 1° settembre al 31 agosto dell’anno scolastico o accademico di riferimento. (Il contributo viene riproporzionato sulla base della percentuale del familiare fiscalmente a carico del richiedente).

  • Contributo annuo di 200 euro netti
  • Acquisto di libri o materiale didattico
  • Figli iscritti a una scuola primaria, secondaria, università
  • Anzianità lavorativa di 60 giorni dal 1° settembre al 31 agosto dell'anno scolastico di riferimento

CONTRIBUTO PER STUDENTI LAVORATORI

Contributo annuo di 200 euro lordi sull’acquisto di libri o materiale didattico, per le lavoratrici e i lavoratori con un contratto in somministrazione, iscritti a corsi serali per il conseguimento del diploma di scuola pubblica secondaria di primo o secondo grado. Per poter richiedere il contributo, inoltre, bisogna avere maturato un’anzianità lavorativa pari complessivamente a 60 giorni nel periodo compreso dal 1° settembre al 31 agosto dell’anno scolastico di riferimento.

  • Contributo annuo di 200 euro lordi
  • Acquisto di libri o materiale didattico
  • Iscrizione a un corso serale per il conseguimento del diploma
  • Anzianità lavorativa di 60 giorni dal 1° settembre al 31 agosto dell'anno scolastico di riferimento

CONTRIBUTO PER STUDENTI LAVORATORI APPRENDISTI

Contributo annuo di 200 euro lordi sull’acquisto di libri o materiale didattico, per le lavoratrici e i lavoratori con un contratto di apprendistato di I e III livello (artt. 43 e 45 del Dlgs n. 81/2015). L’anzianità lavorativa richiesta per accedere è pari complessivamente a 60 giorni nel periodo compreso dal 1° settembre al 31 agosto dell’anno scolastico di riferimento.

  • Contributo annuo di 200 euro lordi
  • Acquisto di libri o materiale didattico
  • Contratto di apprendistato di I e III livello
  • Anzianità lavorativa di 60 giorni dal 1° settembre al 31 agosto dell'anno scolastico di riferimento

CONTRIBUTO RETTA UNIVERSITARIA

Contributo annuo di 200 euro lordi sui costi delle tasse universitarie per le lavoratrici e i lavoratori con un contratto di lavoro in somministrazione iscritti a un corso legale di laurea e che stiano frequentando in corso. Qui, l’anzianità lavorativa richiesta è pari, complessivamente, a 45 giorni nei 12 mesi precedenti l’inizio dell’anno accademico di riferimento.

  • Contributo annuo di 200 euro lordi
  • Costi delle tasse universitarie
  • Iscrizione a un corso legale di laurea, frequenza in corso
  • Anzianità lavorativa di 45 giorni nei 12 mesi precedenti l'inizio dell'anno accademico di riferimento

SOSTEGNO PER INVALIDITÀ AL 100%

Contributo annuo di 1.500 euro netti per le lavoratrici e i lavoratori con un contratto di lavoro in somministrazione che si trovino in condizioni di invalidità al 100% o che abbiano familiari fiscalmente a carico in condizioni di invalidità al 100%. Il contratto di somministrazione deve essere in corso al momento dell’invio della richiesta, l’anzianità di lavoro maturata deve essere di 90 giorni. (Il contributo verrà riproporzionato sulla base della percentuale del familiare fiscalmente a carico del richiedente).

  • Contributo annuo di 1.500 euro netti
  • Invalidità al 100% o familiari a carico con invalidità al 100%
  • Contratto di somministrazione in corso al momento della richiesta
  • Anzianità lavorativa di 90 giorni

MOBILITÀ TERRITORIALE

Contributo fino a un massimo complessivo di 3.500 euro lordi, a rimborso delle spese sostenute dalle lavoratrici e dai lavoratori che, per esigenze strettamente connesse a una attività lavorativa di durata minima di 6 mesi, proposta dall’Agenzia per il Lavoro, siano costretti a trasferirsi dal proprio luogo di residenza.

I requisiti del progetto: distanza dalla residenza o domicilio effettivi di minimo 250 Km, spese di alloggio, trasloco, trasferimento/viaggio. (La Commissione Prestazioni prenderà in esame le richieste in base ad un ordine cronologico di arrivo sino al raggiungimento del limite massimo di 350mila euro.)

  • Contributo fino a max 3.500 euro lordi
  • Spese per transfert casa/lavoro, alloggio, trasloco
  • Distanza da casa di min 250 km
  • Missione di min 6 mesi
  • Missione proposta dall'Agenzia per il Lavoro

TRASPORTO EXTRAURBANO

Rimborso mensile nel limite massimo di 150 euro netti e per un totale annuo di 1.200 euro netti per le lavoratrici e i lavoratori con un contratto di lavoro in somministrazione (in costanza di missione per i tempi indeterminati), che siano residenti o domiciliati in comuni diversi dal luogo in cui si svolge l’attività lavorativa. 

Per accedere alla prestazione la prima volta è richiesto un contratto di lavoro in somministrazione di almeno 30 giorni, comprensivo di eventuali proroghe. Nei mesi successivi alla prima richiesta, basta un contratto di somministrazione di almeno 7 giorni continuativi nel mese. Inoltre, bisogna aver raccolto abbonamenti di trasporto per un importo minimo cumulativo pari o superiore ad 70 euro, presentare richiesta entro e non oltre il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di validità, con un  limite massimo di 4 richieste per anno.

  • Contributo fino a max 150 euro netti/mese (max 1.200 euro netti/anno)
  • Abbonamenti di trasporto pubblico locale
  • Residenza o domicilio in un comune diverso da quello del luogo di lavoro
  • Prima richiesta: anzianità lavorativa di min 30 giorni
  • Richieste successive: 7 giorni di lavoro continuativi nel mese
  • Importo minimo cumulativo degli abbonamenti di trasporto: 70 euro
  • Presentazione della richiesta: entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello di riferimento
  • Max 4 richieste/anno

TUTELA SANITARIA

Le nuove prestazioni della tutela sanitaria sono destinate esclusivamente alle lavoratrici e ai lavoratori con contratti di lavoro in somministrazione che abbiano svolto almeno 30 giorni di attività lavorativa nell’arco di 120 giorni di calendario, nonché per i 120 giorni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro con esclusione dei familiari a carico.

Esami di alta diagnostica per malattie oncologiche

Copertura fino a un massimale annuo di 3.000 euro, di tutti gli esami previsti dal tariffario, visita oncologica compresa, finalizzati all’assistenza di malattie oncologiche conclamate o in fase di accertamento.

Pacchetto prevenzione donna

Rimborso dei seguenti esami svolti in strutture private, per la prevenzione di malattie oncologiche. Il rimborso sarà riconosciuto su una sola prestazione nell’anno civile (01 gennaio/31 dicembre) per ciascuna delle 4 prestazioni.

  • Visita + Pap test: 100 euro
  • Ecografia mammaria: 70 euro
  • Mammografia: 80 euro
  • Ecografia transvaginale: 80 euro

Pacchetto maternità

Rimborso per un massimale di 600 euro per i seguenti esami. Riguardo agli esami di laboratorio privati (amniocentesi e villocentesi) il rimborso sarà riconosciuto solamente una volta per evento.

  • 2 visite specialistiche private, 3 ecografie ostetriche, 1 Bi-test
  • Amniocentesi e villocentesi per gravidanze sopra i 35 anni

Rimborso lenti da vista

Rimborso per l’acquisto di lenti da vista di massimo 100 euro nel biennio. In caso di peggioramento della vista prima dello scadere dei due anni verrà riconosciuto nuovamente il rimborso. Con lo stesso importo sarà compreso anche il rimborso per piccoli interventi chirurgici finalizzati al recupero della vista.

Rimborso delle vaccinazioni

Rimborso del 100% del costo sostenuto per le vaccinazioni dei figli minori fiscalmente a carico. 

Come richiedere la prestazione?

Per tutte le prestazioni, al momento della richiesta, è necessario presentare la documentazione che dimostri il possesso dei requisiti, secondo le modalità descritte nel sito di Ebitemp. A partire dal 2 gennaio 2020, sul portale, sarà disponibile e scaricabile anche la modulistica aggiornata per la compilazione delle domande cartacee.