POSTE ITALIANE. Oggi incontro al MISE, segnali di apertura dell’azienda

Oggi l’incontro programmato tra Felsa Cisl NIdiL Uiltemp e alcune RSA con i rappresentanti del MISE per la vertenza degli autisti somministrati in Poste Italiane. 

Felsa Cisl NIdiL Cgil Uiltemp e alcune RSA hanno incontrato i rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, il capo della segreteria del vice ministro Buffagni, Stefano Ligorio e Paola Pignolo.

Nemmeno durante il presidio nello sciopero del 27 luglio scorso, nonostante l’adesione all’80% in tutta Italia, Poste ha voluto ricevere e incontrare i sindacati e i rappresentanti dei lavoratori. Attualmente, sono ancora in corso lo stato di agitazione e il blocco degli straordinari proclamati il 2 luglio da Felsa Cisl NIdiL Cgil e Uiltemp.   

I Sindacati riferiscono in una nota che il dott. Ligorio, a seguito delle interlocuzioni avute con la dirigenza di Poste Italiane spa, ha riportato l’impegno dell’azienda utilizzatrice a organizzare un incontro per il mese di settembre.

Vista la delicata situazione occupazionale che sta coinvolgendo oltre 400 lavoratori, autisti somministrati presso Poste Italiane SPA, le Organizzazioni Sindacali, nel prendere atto della positiva iniziativa assunta dal MISE per favorire il confronto sindacale, hanno chiesto che l’incontro avvenga entro la fine di agosto.

Inoltre, i Sindacati riferiscono di avere appreso che il MISE ha attivato una interlocuzione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per quanto di loro competenza.

La delegazione sindacale valuta favorevolmente questa prima apertura da parte di Poste Italiane SPA, e auspica che sia l’inizio di un percorso che porti alla risoluzione positiva della vertenza. Felsa Cisl NIdiL Cgil Uiltemp – qualora Poste Italiane SPA proceda alla convocazione dell’incontro nel mese di agosto – si impegnano a sospendere il blocco degli straordinari.