NAVIGATOR. Riaprire subito il confronto

NAVIGATOR, L'APPELLO DI FELSA NIDIL UILTEMP A GOVERNO E MINISTERO

Roma, 26 luglio 2022. Restano ancora oscuri i motivi dell’interruzione del dialogo tra Ministero del Lavoro e Organizzazioni Sindacali sulla vertenza Navigator, i quali avevano concordato di riavviare il confronto a partire dal 22 luglio scorso, dopo l’incontro tenuto il 12 luglio a seguito del presidio indetto da FeLSA CISL NIdiL CGIL e UILTemp.

“Nonostante il tormentone politico di quei giorni – spiegano i Segretari Nazionali delle tre sigle di settore Luca Barilà, Silvia Simoncini e Gianvincenzo Benito Petrassi – riteniamo ingiustificabile l’atteggiamento del Dicastero. Da due settimane attendiamo anche un minimo cenno, ma nulla: negli uffici di via Veneto sono tutti irreperibili, sia i responsabili politici che i tecnici sembrano spariti. Mentre domani il Presidente del Consiglio in carica Mario Draghi incontrerà i Segretari Generali di Cgil Cisl Uil per dare seguito agli impegni assunti, nel Ministero del Lavoro regna il silenzio. E intanto si avvicina anche la scadenza del 31 luglio senza che si sia immaginata una soluzione per i 538 lavoratori e lavoratrici che resteranno senza contratto”.

“Chiediamo con forza – aggiungono i sindacalisti – di riattivare immediatamente il tavolo istituzionale per costruire insieme risposte certe per i Navigator e non privare il mercato del lavoro di professionalità necessarie, specie se pensiamo alla partenza rallentata del programma GOL ed all’urgenza di traguardare gli obiettivi del PNRR. Riteniamo pertanto indispensabile, nelle more della definizione di un percorso che assicuri continuità occupazionale e di azione, favorire le condizioni affinché anche questi 538 lavoratori e lavoratrici possano proseguire la loro esperienza con Anpal Servizi al pari dei colleghi delle altre Regioni“.