NAVIGATOR, le parole non bastano: 26 aprile mobilitazione

Navigator, prossimo incontro con Orlando fissato per il 27 aprile. Sindacati: le parole non bastano, il 26 aprile presidio al Ministero della Funzione Pubblica.

“Visti gli esiti dell’incontro avuto in data 21 Aprile presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, comunichiamo che la prima data di ripresa della mobilitazione, relativa alla vertenza Navigator è fissata per il giorno 26 Aprile dalle ore 14 alle ore 19 presso la sede del Ministero della Funzione Pubblica, sito in Piazza Vidoni.” Così FeLSA CISL NIdiL CGIL UILTemp oggi in una nota. “Ci stiamo organizzando per dare continuità alla protesta, anche nelle giornate successive” concludono le Organizzazioni Sindacali.

L’INCONTRO CON ORLANDO

Nel corso dell’incontro di ieri, il Ministro del Lavoro Orlando ha rappresentato ai Sindacati la volontà di individuare in tempi rapidi una soluzione strutturale e ha comunicato di aver individuato ulteriori risorse da assegnare alle Regioni per favorire la contrattualizzazione dell’intera platea di lavoratrici e lavoratori.
 
FeLSA CISL NIdiL CGIL UILTemp riferiscono, inoltre, che il Ministro ha affermato che avrebbe incontrato tutte le Regioni per presentare la nuova proposta normativa che prevede l’introduzione di punteggi premiali nei concorsi regionali. Infine, Orlando ha preso l’impegno di interloquire nuovamente con il Ministero della Pubblica Amministrazione.
 
“Come Organizzazioni Sindacali riteniamo non ancora soddisfacente la risposta – hanno commentato FeLSA CISL NIdiL CGIL UILTemp – Dal momento che persiste un preoccupante disallineamento con la Funzione Pubblica e tra i tempi di realizzazione di quanto annunciato e la necessità di assicurare immediatamente continuità occupazionale a tutte le lavoratrici e i lavoratori. Per questo abbiamo chiesto a gran forza di individuare risorse finanziarie utili per garantire una proroga dei contratti dal 1° maggio. Il tavolo è stato dunque riaggiornato al tardo pomeriggio del 27 aprile, auspicando che il Ministro possa fornire i riscontri attesi.”

RASSEGNA STAMPA