Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

giovedì 23 novembre 2017

ore 08:09
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

Taxonomy

Ricerca contenuto termine: Lavoro

Il contratto di lavoro

Il contratto tra lavoratore e agenzia per il lavoro Il contratto di lavoro viene stipulato tra l'Agenzia per il lavoro ed il lavoratore. Il lavoratore può essere assunto dall'Agenzia in due forme diverse: A tempo determinato A tempo indeterminato

Contratto a Tempo Determinato

La forma del contratto Il contratto di lavoro tra lavoratore e Agenzia di somministrazione deve essere stipulato all'’atto dell’'assunzione in forma scritta. La lettera di assunzione deve contenere i seguenti elementi: l'indicazione dell'ApL e gli estremi dell'autorizzazione rilasciata dal Ministero del Lavoro; l'indicazione dell'impresa utilizzatrice; l'indicazione del gruppo di

Contratto a Tempo Indeterminato

Contratto di lavoro a tempo indeterminato I lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato dall'Agenzia per il lavoro stipulano in forma scritta il contratto di lavoro quadro e la lettera di assegnazione ad ogni singola missione. Il contratto di lavoro quadro è stipulato in forma scritta e deve contenere: l'indicazione dell'Agenzia per il lavoro con gli estremi

Legge 10 dicembre 2014, n. 183

"Deleghe al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonche' in materia di riordino della disciplina dei rapporti di lavoro e dell'attivita' ispettiva e di tutela e conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro" (JOBS ACT). Visualizza la legge

A Napoli uno sportello dedicato ai lavoratori in somministrazione

È aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 18 in via Torino 16 lo sportello di NIdiL CGIL Napoli per i lavoratori in somministrazione.Lo sportello gestisce in particolare le richieste di sostegno al reddito, sostegno alla maternità, contributo per asili nido, rimborso per spese sanitarie, indennità per infortunio, contributo mobilità territoriale, prestiti personali e bonus per la

Palermo, associazione in partecipazione: il tribunale ordina reintegro e assunzione a tempo indeterminato

Da associato in partecipazione a lavoratore a tempo indeterminato. Una sentenza del tribunale di Palermo emessa dal giudice del lavoro Dante Martino, per la prima volta in Italia, riconosce illegittimo il licenziamento di un associato in partecipazione e ne stabilisce il reintegro nel luogo di lavoro con un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. A vincere la causa contro Mercatone

Italia Lavoro, RSA: chi dovrebbe tutelare le politiche attive del lavoro mette a rischio i suoi occupati

"Una delle principali novità della riforma appena approvata - e di cui si stanno scrivendo i decreti delegati - consiste nell'istituzione di un'Agenzia Nazionale per l'Impiego, che avrebbe il compito di gestire e riorganizzare le politiche attive e passive". È quanto si legge in un comunicato unitario delle RSA di Italia Lavoro di Fisac e NIdiL CGIL, Fiba e Felsa CISL, UilCA e UILTemp UIL e

Italia Lavoro: oggi sciopero e presidio dei lavoratori a Montecitorio

Sono in sciopero oggi per due ore - dalle 14 alle 16 - i lavoratori di Italia Lavoro, l'ente strumentale del ministero del Lavoro che si occupa di politiche attive. Contemporaneamente allo sciopero, si sta svolgendo dalle 14 e fino alle 18 un presidio in piazza Montecitorio. I 1300 lavoratori (400 dipendenti a tempo indeterminato e 900 fra collaboratori e dipendenti a tempo determinato) sono da

Partite Iva, primi risultati del sondaggio NIdiL: 4 su 10 sono "false"

Quattro partite Iva su 10 sono "false": sono questi i risultati preliminari del sondaggio on-line che NIdiL CGIL sta conducendo in questi giorni. Dei circa cento lavoratori che hanno compilato il questionario, infatti, il 40% ha risposto sì ad almeno due delle domande poste per identificare se a norma di legge la partita Iva nasconde in realtà un rapporto di lavoro dipendente mascherato. In

Circolare 16 aprile 2015, n. 77

"Rivalutazione annuale importi economici lavoro accessorio." Visualizza la circolare