Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

giovedì 23 novembre 2017

ore 06:45
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

Cosa fare se il contratto a progetto maschera un lavoro subordinato

Ultimo aggiornamento di martedì 14 ottobre 2014 ore 17:32

Per chi ha una collaborazione attivata dopo l?entrata in vigore della legge 92/2012 (18 luglio 2012) occorre verificare innanzitutto se il progetto individuato nel contratto è descritto in termini specifici o generici, se è indicato il risultato finale, se sono previste mansioni ripetitive o esecutive, se l?attività svolta è analoga a quella dei lavoratori dipendenti, se il compenso appare proporzionato a quello dei lavoratori dipendenti dell?impresa committente, ecc.

Altrimenti, ci sono i margini per il riconoscimento del lavoro dipendente. Prima di procedere è però importante farsi assistere dal sindacato per valutare tutti gli aspetti e le eventuali azioni da intraprendere.

É importante sapere che per la contestazione del contratto vi sono dei termini abbastanza stringenti entro cui poter presentare il ricorso.

Rivolgetevi ad una sede di NIdiL per verificare se il proprio contratto è legittimo.