Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

giovedì 23 novembre 2017

ore 08:17
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

La ripartizione dell'aliquota e il versamento contributivo

Ultimo aggiornamento di martedì 18 ottobre 2016 ore 12:41

Nel fondo Inps Gestione separata l'onere contributivo è ripartito tra committente e lavoratore.

Per gli iscritti con contratto di collaborazione (co.co.co., co.pro, mini co.co.co e prestazioni di lavoro autonomo occasionale): l?aliquota contributiva dovuta al fondo è ripartita nella misura di 2/3 a carico del committente e di 1/3 a carico del lavoratore.

Per gli iscritti con contratto di associazione in partecipazione: è a carico dell?associante (datore di lavoro) il 55% del contributo mentre è a carico dell?associato (lavoratore) il 45%.

Pergli iscritti con partita Iva: il lavoratore con partita Iva, diversamente dagli altri iscritti, non ha la ripartizione dell?onere contributivo con il committente. Pertanto deve versare per intero il contributo dovuto alla Gestione separata Inps, con facoltà di addebitare nella fattura il 4% del compenso lordo a titolo di rivalsa previdenziale.

Per i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, a progetto, mini co.co.co, associazione in partecipazione e di lavoro autonomo occasionale (in caso di compenso annuo superiore a 5000 euro) è l?impresa committente che, attraverso l?utilizzo del modello F24, deve versare l?intero ammontare del contributo previdenziale dovuto alla Gestione separata, trattenendo la quota a carico del lavoratore dal suo compenso lordo. Il versamento va effettuato entro il 16 del mese successivo a quello in cui viene erogato il compenso.

I lavoratori con partita Iva provvedono essi stessi al versamento contributivo. Così come avviene per i versamenti Irpef, questi lavoratori versano il contributo alla Gestione separata Inps attraverso un meccanismo di acconto e saldo. Pertanto a giugno va versato il saldo dell?anno precedente ed il primo acconto dell?anno in corso pari al 40% del contributo dovuto sui redditi risultanti dalla dichiarazione dell?anno precedente e dagli accertamenti definiti. A novembre va versato il secondo acconto. Se al momento del saldo risultano versate a titolo di acconto somme superiori al contributo dovuto, il professionista può presentare richiesta di rimborso all?Inps, oppure dedurre la somma eccedente da eventuali importi dovuti nell?anno successivo.

NOTA BENE: L?art. 1, comma 770, della legge 296/07 (Finanziaria 2007) ha previsto che a partire dal 1° gennaio 2007 l?aliquota di computo (aliquota che serve ad accantonare i contributi utili per la liquidazione della pensione) è stabilita in misura della medesima aliquota contributiva pensionistica. Pertanto, nel 2014 per gli iscritti alla Gestione separata Inps senza altre coperture previdenziali l?aliquota di computo sarà pari al 28% (al 27% per i titolari di partita Iva), mentre per i titolari di pensione e gli iscritti ad altri fondi previdenziali sarà pari al 22%.

MINIMALI E MASSIMALI

Il versamento previdenziale al fondo Inps Gestione separata è commisurato a un massimale annuo che per il 2014 è pari a 100.123,00 euro .
In questa gestione non esiste il minimale per il versamento dei contributi.

Per poter accreditare tutti i 12 mesi di anno solare, occorre far riferimento al minimale contributivo dei commercianti pari per il 2014 a 15.516 euro.

 

TABELLA RIEPILOGATIVA

 

TIPOLOGIA
LAVORATIVA
POSIZIONE ASSICURATIVA ALIQUOTA 2014 ALIQUOTA 2015 ALIQUOTA
2016
ALIQUOTA
2017
ALIQUOTA
2018
 
COLLABORAZIONE
COORDINATA E CONTINUATIVA
(CO.CO.CO.)

senza altra copertura previdenziale obbligatoria

28.72%

30.72%

31.72%

32.72%

33.72%

con altra copertura previdenziale obbligatoria o titolari di pensione (diretta o indiretta)

22%

23.50%

24%

24%

24%

 
 
COLLABORAZIONE
A PROGETTO

senza altra copertura previdenziale obbligatoria

28.72%

30.72%

31.72%

32.72%

33.72%

con altra copertura previdenziale obbligatoria o titolari di pensione (diretta o indiretta)

22%

23.50%

24%

24%

24%

 
PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO
OCCASIONALE

senza altra copertura previdenziale obbligatoria

28.72%

30.72%

31.72%

32.72%

33.72%

con altra copertura previdenziale obbligatoria o titolari di pensione (diretta o indiretta)

22%

23.50%

24%

24%

24%

 
 
ASSOCIAZIONE
IN PARTECIPAZIONE

senza altra copertura previdenziale obbligatoria

28.72%

30.72%

31.72%

32.72%

33.72%

con altra copertura previdenziale obbligatoria o titolari di pensione (diretta o indiretta)

22%

23.50%

24%

24%

24%

 
 
PARTITA IVA
INDIVIDUALE

senza altra copertura previdenziale obbligatoria

27.72%

27.72%

27.72%

32.72%*

33.72%

con altra copertura previdenziale obbligatoria o titolari di pensione (diretta o indiretta)

22%

23.50%

24%

24%

24%

 * In assenza di ulteriori interventi normativi, dal 1° gennaio 2017 l'aliquota contributiva sarà quella prevista dalla Legge 92/2012