Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

giovedì 23 novembre 2017

ore 06:38
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

Sistema delle detrazioni

Ultimo aggiornamento di martedì 23 settembre 2014 ore 14:02

Oltre ad aver ridisegnato la curva Irpef, la finanziaria 2007 rimette mano al sistema degli “sconti” fiscali ripristinando le detrazioni in luogo delle deduzioni e della c.d. no tax area introdotta dal precedente governo di centro-destra.

In primo luogo è evidente la diversa funzione svolta dalle detrazioni rispetto alle deduzioni. Infatti, mentre le prime agiscono direttamente sull’imposta (riducendone così l’entità) le seconde invece incidono sulla determinazione del reddito imponibile sul quale andrà poi applicata l’aliquota irpef che determinerà l’imposta stessa da pagare.

Il percorso per determinare le detrazioni spettanti però, non risulta meno agevole rispetto a quanto avveniva con il sistema utilizzato in passato per la no tax area e per la family area. Anche per determinare l’effettivo ammontare delle detrazioni spettanti, sarà necessario ricorrere a complicate formule matematiche che variano in funzione del tipo di reddito considerato e del suo ammontare.

L’attribuzione delle detrazioni spettanti varia (insieme al relativo calcolo) in base alla tipologia di reddito che viene considerato. In particolare ci soffermiamo sulle modalità di determinazione delle detrazioni spettanti ai redditi da lavoro dipendente e assimilati (co.co.co. e co.pro.) e ai redditi da lavoro autonomo.

LE DETRAZIONI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI (art. 13, comma 1 e 2 del T.U.I.R.)

Reddito complessivo Detrazione spettante
fino a € 8.000  € 1.840
da € 8.000 e fino a € 15.000 € 1.338 + 502 x [(15.000 – reddito complessivo)/7.000]
da € 15.001 e fino a € 55.000 € 1.338 x [(55.000 – reddito complessivo)/40.000]

Alla detrazione spettante si aggiunge, a partire da una certa soglia di reddito, una maggiorazione individuabile secondo la seguente tabella:

Reddito complessivo Maggiorazione spettante
Oltre € 23.000 e fino a € 24.000 € 10
da € 24.000 e fino a € 25.000 € 20
da € 25.000 e fino a € 26.000 € 30
da € 26.000 e fino a € 27.700 € 40
da € 27.700 e fino a € 28.000 € 25

LE DETRAZIONI PER LE ALTRE CATEGORIE DI REDDITO (tra cui redditi da lavoro autonomo e redditi da lavoro autonomo occasionale - art. 13, comma 5 del T.U.I.R.)

Reddito complessivo Detrazione annua spettante
 fino a € 4.800  € 1.104
oltre € 4.800 e fino a € 55.000 € 1.104 x [(55.000 – reddito complessivo)/50.200]

LE DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA (art. 12 del T.U.I.R)
La legge finanziaria 2007, come detto, ha reintrodotto le detrazioni per carichi di famiglia in sostituzione delle deduzioni per familiari a carico previste dalle precedenti regole fiscali.

Quindi, oltre alle detrazioni da lavoro sopra indicate, vanno detratte dall’imposta lorda anche le detrazioni per eventuale coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) e figli (compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi e i figli affidati o affiliati) a carico. Inoltre le detrazioni in questione spettano a condizione che il reddito del familiare per il quale si richiede non sia superiore a 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili.

DETRAZIONI PER CONIUGE A CARICO

Reddito complessivo Detrazione spettante
fino a € 5.000 € 800 € – 110 X (reddito complessivo/15.000)
oltre € 15.000 e fino a € 40.000  € 609
oltre € 40.000 e fino a € 80.000 € 609 € X[(80.000 – reddito complessivo)/40.000]

Alla detrazione spettante si aggiunge, a partire da una certa soglia di reddito, una maggiorazione individuabile secondo la seguente tabella:

Reddito complessivo  Maggiorazione spettante
Oltre € 29.000 e fino a € 29.200 € 10
da € 29.200 e fino a € 34.700 € 20 
oltre € 34.700 e fino a € 35.000 € 30
oltre € 35.000 e fino a € 35.100 € 20
oltre € 35.100 e fino a € 35.200 € 10

DETRAZIONI PER FIGLI A CARICO

In caso di figli a carico spetta una detrazione pari a 800 euro per ciascun figlio, compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi e gli affidati o affiliati.

La detrazione spettante è pari a 900 euro per ciascun figlio di età inferiore a 3 anni.

Per ogni figlio portatore di handicap le suddette detrazioni sono aumentate di un importo pari a 220 euro.

Per chi abbia più di 3 figli a carico, la detrazione è aumentata di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo.

Quelle appena descritte rappresentano gli importi relativi alle detrazioni annue teoriche. Per poter determinare le detrazioni annue effettivamente spettanti devono essere utilizzate le seguenti formule:

1. Nel caso di 1 solo figlio

95.000 – reddito complessivo/95.000

2. Nel caso di più di 1 figlio*

(95.000 15.000) – reddito complessivo/ (95.000 15.000)

DETRAZIONI PER ALTRI FAMILIARI A CARICO
E’ riconosciuta una detrazione pari a
750 euro (da ripartire pro quota tra coloro che hanno diritto alla detrazione) anche per gli altri familiari a carico previsti dall’art. 433 del codice civile (i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottanti; i generi e le nuore; il suocero e la suocera; i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali) che convivono con il contribuente o percepiscono assegni alimentari che non risultano assegnati sulla base di provvedimenti dell’autorità giudiziaria.

In questo caso la detrazione effettivamente spettante si ricava dalla seguente formula:

80.000 – reddito complessivo/80.000