Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

domenica 18 novembre 2018

ore 18:38
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

RIDERS: CGIL CISL UIL: "RICONVOCARE SUBITO IL TAVOLO AL MINISTERO DEL LAVORO"

Ultimo aggiornamento di venerdì 19 ottobre 2018 ore 10:11

Comunicato unitario per riconvocare tavolo al Ministero del Lavoro sui Riders

"La trattativa avviata presso il Ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative adeguate deve riprendere al più presto ed accelerare verso soluzioni dignitose, concrete e condivise" è quanto dichiarano i segretari confederali di Cgil Cisl Uil Scacchetti, Sbarra e Bocchi che hanno finora partecipato al tavolo per i diritti dei riders costituito dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio immediatamente dopo la sua nomina.

Nell'ultimo incontro del tavolo tecnico dell'11 settembre scorso, nel quale il confronto aveva incominciato ad individuare temi specifici per dar vita ad una soluzione contrattuale, lo stesso ministero si era impegnato ad una riconvocazione entro la fine del mese di settembre. "Chiediamo al ministero di recuperare il tempo perso e di fissare al più presto una nuova data - continuano i sindacati - nonchè un percorso che porti in breve tempo alla definizione di risultati che garantiscano per questi lavoratori un salario giusto, il diritto alla malattia, alle ferie, al riposo, tutele previdenziali e contro gli infortuni, diritti alla privacy e alla trasparenza nell'uso degli algoritmi."


"Da parte nostra - concludono i rappresentanti sindacali - vogliamo intensificare il confronto, soprattutto al fine di misurare la reale volontà delle aziende proprietarie di piattaforme digitali, senza inaccettabili dilazioni o silenzi, di riconoscere i giusti diritti che queste lavoratrici e lavoratori, in larga parte giovani, attendono da tempo. Dare loro risposte e tutele, oltre che un dovere, sarebbe una buona notizia per tutto il mondo del lavoro."

Tags

Riders