Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

mercoledì 25 aprile 2018

ore 12:50
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

NTC NARDÒ: dopo 110 contratti di somministrazione in 5 anni, interinale assunto a tempo indeterminato

Ultimo aggiornamento di venerdì 16 febbraio 2018 ore 17:16

Il Giudice del Lavoro di Lecce ha accolto il ricorso della Cgil: il lavoratore tornerà al lavoro presso la sede di Nardò di NTC Srl dopo quasi tre anni dall'ultimo contratto di lavoro in somministrazione e riceverà un'indennità risarcitoria pari a dodici mensilità dell'ultima retribuzione.

 

La sentenza del 14 febbraio scorso ha riconosciuto, quindi, al lavoratore la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato alle dipendenze dell'utilizzatore Nardò Technical Center Srl sin dalla data del primo contratto di somministrazione, nel settembre 2011.

"La vittoria del ricorso presentato quasi quattro anni fa dalla Cgil di Lecce, anche se la sentenza prende in considerazione altri parametri, come la grave certificata assenza del DUVRI (Documento Unico per la Valutazione Rischi da Interferenze), riporta prepotentemente l'attenzione sulla pratica dei continui stop&go nei rinnovi dei contratti di somministrazione" è il commento di Andrea Borghesi, segretario nazionale NIdiL Cgil.

"L'Azienda di Nardò, in particolare, si caratterizza per la reiterazione delle missioni settimanali - prosegue Borghesi - ma non dimentichiamo che quasi un terzo di tutti i contratti di somministrazione, in Italia, ha una durata di addirittura un solo giorno".

"Siamo contenti che il Tribunale di Lecce abbia riconosciuto la validità della battaglia per la stabilizzazione dei precari di Nardò, che la Cgil combatte da diversi anni" hanno dichiarato  il segretario generale del Nidil Cgil Lecce, Alessio Colella, e la segretaria generale della Fiom Cgil Lecce, Annarita Morea.

"I lavoratori che hanno deciso di affidarsi alla nostra strategia sindacale - continuano le OO.SS. - hanno ottenuto i risultati sperati. Ne è dimostrazione la sentenza del 14 febbraio dalla quale si evince come molto spesso dietro rapporti di lavoro a tempo determinato si nascondano rapporti di lavoro in realtà stabili".

 

Tags

Ntc Nardò