Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

domenica 16 dicembre 2018

ore 12:37
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

Il flash mob dei ciclofattorini di Foodora e Nidil a Firenze

Ultimo aggiornamento di venerdì 16 novembre 2018 ore 09:16

Cartelli, bici, manichini: flash mob dei ciclofattorini di Foodora (in 200 perderanno il lavoro il 1° dicembre) a Firenze. Nidil Cgil al Governo e alle aziende interessate: "Adoperarsi affinché Glovo riassuma questi lavoratori alle stesse condizioni contrattuali"

Biciclette capovolte col cartello "Per Natale ci lasciano a piedi", un manichino vestito da biker con un cartello recante la scritta "Ghost rider - Non rimarremo immobili", una installazione che rappresenta un hamburger con scritto "Valgo meno di un hamburger". E poi loro, i ciclofattorini di Foodora in bici e abiti da lavoro: tutto questo è stato il flash mob organizzato stamani in piazza San Firenze dal Nidil Cgil.

A Firenze sono circa 200 i ciclofattorini di Foodora che resteranno senza lavoro dal 1° dicembre, quando scadrà il loro contratto (un Co.co.co): con l'annunciata vendita di Foodora a Glovo, è infatti trapelata la volontà di Glovo di non voler dare continuità ai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati da Foodora con quasi 2mila rider in tutta Italia.

A Firenze, che con quella di oggi segna la prima protesta di piazza sulla vertenza, si tratta di ragazzi e ragazze, giovani e anche meno giovani, studenti o ciclofattorini a tempo pieno. Per continuare a lavorare, se vorranno, potranno solo partecipare alle selezioni di Glovo, senza nessuna garanzia di continuità occupazionale, e sperare di vincerle all?interno di una gara con nuovi sistemi di ranking.

Qualora fossero scelti da Glovo, vedrebbero in ogni caso peggiorare le proprie condizioni di lavoro, in quanto non avrebbero un Co.co.co ma una collaborazione occasionale pagata a cottimo. "In questo Paese succede che una azienda cede a un'altra dati, ristoranti, panini ma non i lavoratori. I lavoratori contano meno di un panino, e questo per noi è inaccettabile. Chi lavora ha bisogno di diritti e tutele, qualunque rapporto di lavoro abbia. Chiediamo alle aziende interessate e al Governo, con cui è aperto un tavolo nazionale, di adoperarsi affinché Globo assuma i ciclofattorini Foodora alle stesse condizioni contrattuali", hanno detto al flash mob Ilaria Lani e Aldo Iacona di Nidil Cgil Firenze. Per martedì prossimo i biker di Foodora e Nidil Cgil sono stati convocati dalla Regione Toscana, che ha aperto un tavolo di crisi sulla vertenza (come chiesto dallo stesso Nidil Cgil), e dalla Commissione lavoro del Consiglio comunale di Firenze (per una audizione).

Foto e video su https://cgilfirenze.it/2018/11/fff/

 

Tags

CicloffatoriniFirenze Foodora