Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

sabato 18 agosto 2018

ore 12:35
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA. Presidio per i lavoratori occasionali domenica 27 maggio

Ultimo aggiornamento di venerdì 25 maggio 2018 ore 19:25

PRESIDIO NIdiL Cgil Filcams Cgil

DOMENICA 27 MAGGIO, DALLE 15 ALLE 19, IN PIAZZA APOLLODORO, ROMA

 

NIdiL Cigil Rieti Roma Eva ha reso noto che "Il personale dell'Auditorium Parco della Musica di Roma, occasionali da sempre utilizzati e sfruttati in modo intensivo, che hanno valorizzato e concorso a rendere prestigioso l'Auditorium, oggi sono stati lasciati a casa dalla Società Cooperativa REAR".

"Si tratta di personale altamente qualificato - continua il Sindacato - che nel cambio di appalto ha subito l'esclusione del Tutti a casa!. Durante lo sciopero dei dipendenti diretti, inoltre, REAR non ha esitato ad assumere nuovo personale occasionale".

Indetto, quindi, un presidio per domenica 27 Maggio dalle ore 15,00 alle ore 19,00 in P.zza Apollodoro, Roma (fronte Palazzetto dello Sport).

 

Al fianco dei lavoratori occasionali: tutte le maestranze contrattualizzate stabilmente dalla Società Cooperativa REAR e rappresentate da Filcams Cgil Roma Nord Civitavecchia Viterbo che ha espresso piena e fattiva solidarietà nei confronti dei colleghi - loro pari - assunti con contratti occasionali "ma storicamente parte integrante del gruppo dei lavoratori impiegati nei servizi del complesso multifunzionale di Roma".

"Doveroso ricordare - puntualizza il Sindacato condividendo il Presidio - che i lavoratori occasionali, nonostante la loro condizione di estrema precarietà contrattuale ed economica, avevano stoicamente sostenuto lo sciopero proclamato in fase di cambio appalto dai lavoratori stabilizzati (teso a difendere i diritti faticosamente acquisiti), rifiutandosi di occupare le postazioni rimaste scoperte proprio in conseguenza delle giornate di astensione collettiva dal lavoro".

"Non possiamo oggi esimerci dal registrare che gran parte dei lavoratori occasionali storici, che tanto si sono spesi per dar forza alla nostra voce, sono stati improvvisamente e senza alcun motivo apparente, esclusi dal servizio, a favore di differenti collaboratori" ribadisce ancora in una lettera Filcams Cgil Roma Nord Civitavecchia Viterbo.