Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

mercoledì 13 dicembre 2017

ore 15:38
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

Cosa resta per i precari dopo il voto della legge di bilancio al Senato? Marchette e nessuna soluzione

Ultimo aggiornamento di giovedì 30 novembre 2017 ore 17:30

COMUNICATO STAMPA

NidiL Cgil aveva segnalato alle Commissioni del Senato diverse criticità, indicando altresì le opportune soluzioni, comprese le eventuali coperture. Resta la delusione, in alcuni casi perfino la rabbia per le mancate soluzioni, e in alcuni casi perfino per provvedimenti che sembrano delle beffe. Andiamo con ordine:

A) Ex LSU operanti nelle segreterie delle scuole: anche sulla base di un impegno esplicito del Miur assunto il 26 luglio, avevamo sperato nell'internalizzazione del servizio, con risorse interne allo stesso Ministero. Nulla di tutto questo, per l'opposizione di parte dello stesso Governo, ma invece... una norma approvata con il parere favorevole del Governo autorizza la stabilizzazione di 519 lavoratori ex LSU di Palermo svolgenti le funzioni di operatori scolastici (bidelli). Benissimo, ma perché negare un analogo esito anche a quanti operano nelle scuole da almeno 18 anni?

B) ANPAL Servizi: anche qui, sulla scorta di impegni sottoscritti con i sindacati, si era chiesto lo stanziamento adeguato per procedere ai percorsi di stabilizzazione, seguendo un rigoroso criterio di anzianità, per un primo contingente degli oltre 600 lavoratori impiegati in ANPAL Servizi con contratti di collaborazione. Risposta: nulla! E quindi un futuro incerto per chi di fatto assicura la continuità delle - poche - politiche attive che si fanno in questo Paese;

C) Attività sportive: avevamo chiesto di sopprimere l'allargamento a Euro 10.000 dei compensi per i collaboratori su cui non fosse necessario pagare tasse e contributi, vero ricettacolo di elusione fiscale e contributiva a danno di chi nel mondo dello sport lavora senza diritti. Non solo, avevamo segnalato l'illogicità, per non dire altro, di estendere i copiosi benefici oggi possibili per le società sportive dilettantistiche anche alle società sportive "lucrative". Risultato: tutto inutile! E quindi dal 2018 le società quotate in Borsa potranno godere degli stessi benefici della polisportiva di quartiere, che casomai promuove l'integrazione delle figure sociali fragili!

D) Ricercatori e personale addetto alla ricerca negli IRCCS e IZS: negli istituti di Ricovero e Cura e negli istituti zooprofilattici lavorano 3.500 ricercatori e personale addetto, spesso con collaborazioni da più di 10 anni. In una tribolata discussione con il Ministero della Salute avevamo preso atto di un percorso di graduale stabilizzazione, solo per scoprire che... il Ministero della Salute non aveva presentato alcun emendamento!

E) Gestione separata Inps: la gestione separata è l'autentico salvadanaio dell'Inps, visto il continuo crescere delle aliquote, e la modestissima quota di uscite. E tuttavia quanto si prospetta per le future pensioni di questi lavoratori è miserrimo, vista la frequente interruzione dei loro rapporti. Per questo, oltre alla proposta di pensione contributiva di garanzia, su cui invano abbiamo atteso una proposta da parte del Governo, avevamo avanzato, come facciamo da almeno 4 anni, proposte tendenti a migliorare, pur in vigenza delle attuali regole, le prestazioni da assicurare agli iscritti, riguardo alla malattia, al riconoscimento dei loro diritti pur in assenza di contribuzione da parte del committente, ecc. Come gli altri anni, la stessa risposta: nulla!

F) Somministrazione: avevamo avanzato proposte affinché la tanto sbandierata decontribuzione per i giovani assunti a tempo indeterminato (a tutele crescenti) non incappasse in problemi interpretativi, se ad esempio i "nuovi rapporti" fossero trasformazioni/sostituzioni di rapporti precedentemente attivati in somministrazione, oppure per chiarire cosa si intenda, per le agenzie di somministrazione, per "unità produttiva", ossia dove si controlla se ci fossero state risoluzioni di rapporti nei sei mesi precedenti. Già immaginate la risposta: niente! Il che è tanto più paradossale perché le proposte tendevano a chiarire e semplificare la vita alle imprese e alle agenzie, non a creare problemi!

Siccome con il 2018 scatta il divieto, previsto dal cosiddetto "Decreto Madia", di stipulare da parte delle Pubbliche Amministrazioni contratti di collaborazione aventi per oggetto prestazioni personali, con previsione di orario e sede di lavoro, con queste disposizioni, o meglio con la loro assenza, molte migliaia di collaboratori si troveranno disoccupati alla scadenza dei loro contratti.

È chiaro come il passaggio alla Camera dei Deputati, ultima occasione prima dello scioglimento della legislatura, rappresenti l'ultima occasione per porre termine a queste inaccettabili situazioni. NIdiL Cgil porrà in essere tutte le iniziative possibili affinché queste questioni trovino soluzione adeguata e coerente.

30 novembre 2017

Tags

Lavoro