Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

lunedì 20 novembre 2017

ore 02:57
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

30 agosto: PRESIDIO DEI LAVORATORI DEL CONTACT CENTER INFOCAMERE, A PADOVA E A ROMA

Ultimo aggiornamento di martedì 29 agosto 2017 ore 18:29

COMUNICATO STAMPA NIdiL E FIOM CGIL

Roma/Padova 29 agosto 2017. Fiom e NIdiL CGIL organizzano un presidio dei lavoratori a rischio, coinvolti nella procedura di assegnazione dell'appalto per l'esternalizzazione del Contact Center Infocamere, già in stato di agitazione dal 28 luglio scorso. Mercoledì 30 agosto, dalle 11 alle 14, a Roma, in Piazza Sallustio 21 (Unioncamere) e a Padova, in Piazza Insurrezione 1/A (Camera di Commercio di Padova).

Infocamere, Credit 2 Cash e Cooperativa Sociale Giotto procedono nella grave gestione unilaterale della vertenza che coinvolge 90 lavoratori tra Padova e Roma.

FIOM e NIdiL, denunciando per l'ennesima volta il mancato rispetto del codice degli appalti, delle leggi e dei contratti, metteranno in atto tutte le azioni politiche, sindacali e giuridiche per la tutela dei diritti dei lavoratori, che restano in stato di agitazione.

Inoltre - sottolineano FIOM e NIdiL - i contratti di lavoro, proposti dalle Aggiudicatarie e imposti di fatto ai lavoratori, sono già attivi per molti di loro da venerdì 1 settembre, fanno riferimento a un CCNL che a Padova non è coerente con l'oggetto della gara (cooperative sociali) e a Roma non è sottoscritto dalle Organizzazioni Sindacali maggiormente rappresentative.

Per i lavoratori compresi nella clausola sociale che svolgono da anni quei servizi, i contratti prevedono un taglio di quasi metà del reddito annuo e impongono un periodo di prova fino a 50 giorni di effettivo lavoro.

Unioncamere e Camere di Commercio intervengano per ripristinare la legalità e impedire un tale scempio dei diritti e della dignità dei lavoratori.

 

Tags

Infocamere