Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

giovedì 23 novembre 2017

ore 06:41
Registrati adesso Non riesci ad accedere?

Il sistema dei buoni lavoro (voucher)

Ultimo aggiornamento di lunedì 24 ottobre 2016 ore 11:59

La caratteristica principale del lavoro accessorio è costituita dal sistema dei buoni (cosiddetti voucher) con i quali i committenti corrispondono ai lavoratori il compenso per la prestazione di lavoro. I committenti/datori di lavoro acquistano i buoni esclusivamente per via telematica attraverso:

  • la procedura telematica INPS;

  • tabaccai;

  • servizo internet banking Banca Intesa San Paolo,

  • altre banche abilitate.

Prima dell'inizio della prestazione di lavoro il committente imprenditore non agricolo o professionista deve effettuare la comunicazione preventiva, direttamente all'Inps, esclusivamente in modalità telematica. Inoltre il committente deve comunicare, almeno 60 minutiprima dell'inizio della prestazione, alla sede territoriale dell'Ispettorato nazionale del lavoro, mediante sms o posta elettronica, i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo, il giorno e l'ora di inizio e di fine della prestazione.

Il pagamento del lavoratore avviene con la riscossione dell'importo netto presso uno dei concessionari del servizio (INPS, Sportelli bancari, uffici postali, tabaccai). È necessario portare con sè con la propria Tessera Sanitaria o il tesserino del codice fiscale e ove richiesto con un documento di identità valido (per maggiori informazioni consultare il sito dell'Inps).

È importante sapere che chi lavora con questa tipologia lavorativa non sottoscrive un classico contratto di lavoro. Si tratta di una forma di lavoro priva di qualsiasi diritto:

  • non è previsto alcun riferimento alla contrattazione collettiva;

  • non si matura il TFR (trattamento di fine rapporto);

  • non è prevista la consegna di una busta paga;

  • non si maturano ferie, straordinari ecc;

  • non si può richiedere l'indennità di disoccupazione (NASpI)

  • i lavoratori non vengono registrati dal committente sul Libro unico del lavoro;

L'unico obbligo del committente è quello di effettuare la comunicazione preventiva all'Inail.

ATTENZIONE: il buono ha un valore nominale di 10 euro e corrisponde ad un'ora di lavoro. Il buono è comprensivo dei contributi per la Gestione separata Inps (13%), della copertura assicurativa Inail (7%) e di una quota di spese del servizio (5%). Il valore netto a favore del lavoratore è pari a euro 7,50 per singolo voucher.